viernes, 27 de febrero de 2015

Armerías cuarteladas

Terminamos la semana con un nuevo diseño de Beltrán de Meneses en el que nos muestra unas armerías cuarteladas con escusón, timbradas de yelmo, burelete, plumas y unos originales lambrequines envolventes. Les invitamos a ver su página de Facebook y para cualquier consulta no duden en hacerlo a través del formulario de contacto de esta Casa.

jueves, 26 de febrero de 2015

Monografía sobre las Órdenes Constantinianas


Los Colegiados de esta Casa Don Luca Scotto di Tella de' Douglas y don Aldo Colleoni continúan con su imparable labor científica y divulgativa con la publicación en Aracne Editrice de esta monografía titulada San Giorgio e San Costantino il Grande, Storia e Ordini Cavallereschi. Los autores proponen al lector de este volumen los materiales documentales recopilados durante años y de no fácil acceso que recopilan en esta monumental publicación, única en el mundo en su género y riquísima de antiguos, raros y maravillosas imágenes, no sólo sobre la Orden Constaniana de San Jorge, sino también sobre otras órdenes de caballería inspiradas en San Jorge y San Constantino.

El prefacio es de la autoría del Presidente de esta Casa Don Francisco Acedo Fernández Pereira. Felicitamos a los autores por esta nueva monografía e invitamos a su adquisición y lectura.

miércoles, 25 de febrero de 2015

Conferencia en la Academia Angélico Constantiniana


Se ha recibido en esta Casa invitación para la Conferencia que con el título "La Democracia en la época de la globalización" organiza la Academia Angelica Constantiniana en colaboración con las Embajadas de Croacia y Serbia en Italia y que tendrá lugar en el Romano Palacio Farnese (Via della Conciliazione, 33) el próximo sábado día 28 a las cinco y media de la tarde. La Conferencia se enmarca en el lema del Año Académico 2014-2015 que no es otro que el de "Entre Oriente y Occidente, un futuro para escribir". Los relatores de la misma serán el Profesor Damir Grubisa y la Diplomática Dejana Perunicic, moderados por el Politólogo Walter Cundari y en la que también intervendrán los periodistas Silvije Tomasevic e Inoslav Besker.

La prestigiosa Academia Angélica Constantiniana está presidida por el Príncipe Alessio Ferrari Angelo Comneno di Tessaglia, y fue fundada en la postguerra mundial por el Príncipe Mario Bernardo Angelo Comneno di Tessaglia como una institución cultural de carácter internacional sin ánimo de lucro. Es apolítica y no hace distinción alguna de nacionalidad, ciudadanía, raza, confesión religiosa o condición social. Entre sus fines específicos está desarrollar en general la Cultura en los planos artístico, científico, literario o religioso, además de tender un puente cultural entre el Mundo Bizantino Oriental y el Latino Occidental desde la Tardoantigüedad hasta nuestros días. Para conseguir tales fines la Academia se sirve de todas las formas de actividades culturales. Entre ellas cabe destacar la renombrada publicación académica "Studi sull'Oriente Cristiano".

Deseamos el mayor de los éxitos a la Academia Angélica Constantiniana el próximo sábado con esta manifestación cultural, al tiempo que invitamos vivamente a nuestros lectores a asistir a la misma y a profundizar en el conocimiento de esta venerable institución.

lunes, 23 de febrero de 2015

Escudo cuartelado con yelmo

Esta semana se abre con una sobria propuesta de nuestro artista heráldico Beltrán de Meneses consistente en unas armerías cuarteladas, timbradas simplemente con yelmo, burelete y plumas, inspirada en armoriales clásicos.

viernes, 20 de febrero de 2015

Armas de Solar

Este viernes Beltrán de Meneses, artista heráldico exclusivo de esta Casa, nos trae unas armerías tradicionalmente hispanas. Se trata de unas armas de Solar, las cuales identifican a la Casa origen de un tronco común y que pueden ser usadas por todos los miembros del linaje. Algunas de ellas tienen regulaciones específicas y son fósiles de la época anterior a la confusión de estados. Para la confección de este diseño Meneses se ha inspirado en diversos elementos que aparecen en casas y palacios vinculados a la familia que se representa en la merindad navarra de la que procede. Así, junto al escudo, aparecen una serie de elementos exteriores que plasman visualmente la historia de la familia y se encierran en una bordura que enmarca el todo sobre la que se dispone el lema familiar.

miércoles, 18 de febrero de 2015

Armerías con yelmo

Nuestro artista heráldico Beltrán de Meneses nos propone hoy un nuevo diseño en el que se muestran unas armas timbradas con yelmo, burelete y lambrequines, en los que éstos toman un particular protagonismo debido a su estilización, sobriedad y elegancia, inspirados en la más pura tradición del estilo castellano.

viernes, 13 de febrero de 2015

Armas con yelmo y manto




Para cerrar la semana Beltrán de Meneses, diseñador heráldico exclusivo de esta Casa, nos muestra unas armerías timbradas con yelmo, lambrequines, corona y burelete sobre filacteria con lema, dispuestas sobre manto de armiño coronado. Para cualquier consulta pueden dirigirse a nuestra Contacto.
Buen fin de semana.

jueves, 12 de febrero de 2015

Novedades en Heráldica Eclesiastica





Ante la inminencia del próximo Consistorio, presentamos la última novedad de Don Enzo Parrino, Colegiado de Número de esta Casa, y Giovanni Sicari. Se trata de su libro Collegio Cardenalizio per l'anno 2014 en el que se recogen, a lo largo de doscientas cuarenta páginas, las armas de los doscientos dieciocho Señores Cardenales que componen el dicho Colegio, cada uno de ellos enriquecido con una breve biografía de cada purpurado.

La intensa labor de estudio y diseño de la Heráldica Eclesiástica en la que ambos autores están inmersos, les ha llevado a culminar los volúmenes dedicados a las Diócesis de las regiones eclesiásticas de las Marcas, Cerdeña y Toscana, dentro de su monumental obra L'Araldica dei Vescovi dell'Italia Centrale, en la que se reseñan casi quinientas armerías de prelados italianos desde el concilio Vaticano II hasta nuestros días. Recordamos a nuestros lectores que los volúmenes correspondientes a las Abruzos y Molise, Lacio y Umbria ya fueron anteriormente publicados.

Recomendamos vivamente a nuestros lectores la adquisición y lectura de los mismos, al tiempo que deseamos a los Señores Parrino y Sicari el mayor de los éxitos y los felicitamos por su ingente labor divulgadora en el campo de las Ciencias Heroicas.

miércoles, 11 de febrero de 2015

Armas eclesiásticas

Nuestro artista heráldico Beltrán de Meneses presenta hoy un diseño de unas armerías eclesiásticas en las que destacan la estilización y el original entrelazado de los cordones del capelo.

martes, 10 de febrero de 2015

Pontifical para la Causa de Canonización del Beato Pío IX


El Romano Instituto de Estudios Históricos Beato Pío IX (Organismo Académico hermanado con esta Casa) celebró el pasado día 7 de febrero una Solemne Misa Pontifical para la Causa de Beatificacion del Beato Pío IX, cuya crónica escrita por la Condesa Simona Cecilia Crociani Baglioni  Farcas, Colegiada Correspondiente de esta Casa, reproducimos a continuación.
 
 Il solenne Pontificale nella romana basilica di S. Lorenzo Extra Moenia, per la Canonizzazione del Beato Pio IX, del 7 febbraio 2014, è stato presieduto da S. Em.Rev.ma il sig. Cardinale ELIO SGRECCIA Presidente Em. della Pontificia Accademia per la Vita, già Segretario del Pontificio Consiglio per la Famiglia. Presente Sua Em.Rev.ma il Sig. Cardinale ANTONIO MARIA VEGLIO’, Presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti. Presente e promotore del Pontificale, S.E. Rev.ma Mons. CARLO LIBERATI Arcivescovo-Prelato Em. di Pompei, Postulatore della Causa di Canonizzazione del Beato Papa Pio IX. Presente S.E.Rev.ma Mons. GIUSEPPE ORLANDONI Vescovo di Senigallia, con un folto gruppo di fedeli in rappresentanza della città e Diocesi di Senigallia, patria di Pio IX. Presente S.E.Rev.ma Mons. GUIDO POZZO, Segretario della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, Arcivescovo tit. di Bagnoregio. E presente S.E.Rev.ma Mons. ENNIO APPIGLIANESI, Arcivescovo Em. di Potenza.

Presente la rappresentanza con Gonfalone del Pio Sodalizio dei Piceni in Roma. Presente la rappresentanza con vessillo storico del Papa Santo, dell’Istituto di Studi Storici Beato Pio IX, con il Presidente Conte Cav.Gr.Cr. Prof. FERNANDO CROCIANI BAGLIONI, con il Consiglio di Presidenza, e numerosi fedeli ed accademici, i quali prestavano il servizio di protocollo agli Em.mi Cardinali e d’onore all’altare ed agli Ecc.mi Presuli.

Presenti numerosi Monsignori ed Officiali della Curia Romana, del Vicariato e del Clero Romano, la Comunità Francescana dei Cappuccini, al completo con coro ed organo e servizio liturgico. Esponenti dell’Aristocrazia romana, tra i quali la Principessa Donna PATRIZIA TORLONIA (discendente della famiglia dei Conti Mastai Ferretti); dei primari sodalizzi del laicato militante romano, quali il Circolo San Pietro, l’Associazione SS. Pietro e Paolo nonché dignitari dei primari Ordini Cavallereschi della Chiesa: Sovrano Militare Ordine di Malta, Ordine Equestre di Santo Sepolcro di Gerusalemme, Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio; ringraziati tutti dalle LL. EE. Rev.me i Signori Cardinali.

A cura di Simona Cecilia Crociani Baglioni Farcas


lunes, 9 de febrero de 2015

Campo de escudo

Este lunes Beltrán de Meneses, Persevante de esta Casa, nos muestra un campo de escudo sin ornamentos exteriores. En él se aprecia el gusto por el diseño medieval, la claridad de las líneas, los colores puros, la plenitud de las figuras y la elegancia del trazo, es decir, el fruto de años de estudio de las fuentes y los maestros antiguos de la Ciencia Heráldica.

viernes, 6 de febrero de 2015

En el fallecimiento del Príncipe Don Giovan Battista de' Medici




Transcribimos el obituario del Príncipe Don Giovan Battista de' Medici Toscana d'Ottajano de la mano de nuestro Colegiado de Honor el Conde Don Fernando Crociani Baglioni, Rector de la Romana Sociedad de Estudios Beato Pío IX, ha escrito en tan triste ocasión. El Colegio Heráldico hace público su pesar por tan sensible pérdida, al tiempo que envía a los Príncipes Medici de Toscana sus más profundas condolencias.


L’ultima volta ci trovammo seduti accanto ad un matrimonio aristocratico romano, in chiesa e al ricevimento, rigorosamente in tight. Simpatico e delicato come sapeva esserlo, da Principe toscano, e aristocratico napoletano vecchia scuola. Ma il mio più vivo, toccante ricordo del Principe d’Ottajano fu di quando ci trovammo pure accanto all’investitura in un grande albergo di Ginevra, allorquando il Principe di Napoli ci conferiva il grado di Grand’Ufficiale dell’Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro. Ricevuto il brevetto e le insegne cedetti alla commozione. Giambattista mi abbracciò e gli mormorai: ” Se mi vedessero i miei genitori ! “. E le lagrime scesero pure sul suo volto. Indimenticabile ! Principe e confratello, cristiano esemplare, Dio ti accolga e conceda il Premio Eterno ! Riposa in pace ! 

Nato Principe de’ Medici, principe di Toscana, principe d’Ottajano e duca di Sarno, è stato professore ordinario di idrogeologia alla Università Federico II di Napoli Facoltà di Ingegneria, e uno dei più grandi difensori della tutela dell’ambiente di Napoli e del Mezzogiorno. Ha lottato a lungo contro la creazione di discariche senza un piano progettuale preciso e si è battuto per la tutela del sottosuolo di Napoli chiedendo spesso chiarimenti, dall’alto della sua esperienza, sui lavori che in questi anni si stanno facendo sotto la Villa Comunale e la Riviera di Chiaia. Assieme alle Assise e ai comitati ha partecipato alle più importanti battaglie di impegno civile. E’ stato, tra le altre cose, nel direttivo della Deputazione dei nobili del tesoro di San Gennaro.

Requiem Aeternam per S.A.S. Don Giovanni Battista de’ Medici Principe d’Ottajano, nel giorno del pio transito.

Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni.


jueves, 5 de febrero de 2015

De los Gallienus bajoimperiales a los Galeano ligurpiamonteses (y III)


Con la entrega de hoy, centrada en las Edades Modernas y Contemporánea, y centrada en el Ramo de Sant'Ambrogio, completamos la publicación del Colegiado de Número de esta Casa y Catedrático Emérito de Historia y Cultura Bizantina de la Universidad Federico II de Nápoles, Profesor Don Roberto Romano, acerca de la Familia Galeano.

L’età moderna.

XVI sec.

Bartolomeo Galliani.

Figlio di Giacomo, di Umberto. Citato in un documento del 1538. Dottore in Giurisprudenza, sposò Françoise de Constantin, dei signori di Châteauneuf.

XVI sec.

Paolo Galliani.

Figlio di Giacomo, di Umberto.
Sposò Périnette Badat (branca dei conti d’Ascros). Ebbe Marco Antonio. Da lui ebbe origine il ramo dei conti d’Ascros.

XVI sec.

Marcantonio Galleano o Galliani.

Figlio di Paolo, di Giacomo, visse dal 1525 al 1575. Fu vice-ammiraglio al servizio dei Savoia. Sposò nel 1545 Brigida Gralieri (o Gralhieri). Diede origine al ramo dei conti d’Ascros. Se ne tratterà oltre con maggior dovizia di particolari.

XV sec.

Giacomo II Galleani.

Figlio di Ludovico/Luigi. Fratello del sopra citato Umberto. Fu Console a Nizza (circa 1454, 1485) Sposò Honorée Roccamaura, dama ereditiera di Châteauneuf. Ebbe come figli, Raffaele, Giovanni e Claudio.

XV-XVI sec.

Raffaele Galleani.

Sposò Luquine Buschetti, dando origine alla branca Galléan conti d’Utelle. Fu consigliere della duchessa Blanche de Montferrat, moglie del duca Carlo I di Savoia, la quale era reggente per la minore età di suo figlio, Carlo II. Fu ambasciatore in Spagna nel 1493 e concluse un trattato di pace con Ferdinando d’Aragona (25 marzo 1493), Dalla moglie Luquine Buschetti ebbe due figli: Bartolomeo Galleani, capostipite della branca dei Galléan conti d’Utelle, Leonardo Galleani, capostipite della branca dei Galléan-Riquier.

XV-XVI sec.

Giovanni Gallian.

Figlio di Giacomo II, fratello di Raffaele. Sposò Nicoletta Doria, dando origine alla branca dei Galleano o Gallian-Doria. Primo Console di Nizza, allora sotto la protezione dei Savoia, nel 1525. Difese la causa di Nizza contro i Genovesi facendo costruire una grande imbarcazione denominata Sainte-Marie et Saint-Raphaël (soprannominata “la Galleana”) nell’ottobre del 1489. Il vice-governatore di Nizza gli diede una patente di corsaro (9 febbraio 1490) ed egli prese il mare, assieme ad un altro naviglio, il Saint-Michel (comandato dal fratello minore Claudio), facendo incursioni sulle coste di Spagna, Africa e Sicilia, sempre dando la caccia al naviglio genovese, Scampato ad una tempesta, raggiunse la baia di La Napoule e fu catturato dai genovesi restando parecchio tempo in prigione. Per aver combattuto contro Genova, ricevette dai Savoia, per l’interessamento dei suoi parenti Raffaele e Luquine Buschetti, la Gran Croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro. Morì il 5 giugno 1538. Lasciò due figli: Erasmo Gallian-Doria e Oppicio (o Hospice) Gallian- Doria.

XV-XVI sec.

Claudio Gallian.

Figlio di Giacomo II. Fratello minore di Raffaele e Giovanni, morì senza discendenti. Partecipò alle imprese corsare del fratello Giovanni.

XVI sec.

Bartolomeo Galleani.

Figlio di Raffaele Galleani, di cui sopra. Fu padre di Lazzaro Galleani, conte d’Utelle, natogli dal matrimonio (1520) con Mathe de Coste.

XVI sec.

Lazzaro Galleani.

Figlio di Bartolomeo, di Raffaele. Conte d’Utelle, signore di Châteauneuf. Sposò la cugina Lucrezia Galleani nel 1573. Padre di Ulisse Galleano.

XVI-XVII sec.
Ulisse Galleano.

Figlio di Lazzaro Galleani, fu prefetto di Oneglia nel 1608. Nel 1623 Presidente del Senato a Torino.
Il suo blasone (con l’iscrizione D. Ulisses Galeanus Nigenus = di Nizza) si trova all’Archiginnasio di Bologna (1601-1602). Padre di Giuseppe Maria.
Dalla discendenza di Ulisse Galleano derivarono i tre fratelli Gian Gerolamo, Gian Francesco e Giulio Antonio, i quali furono investiti del feudo di Barbaresco in Piemonte (14 aprile 1694). Vedi oltre.

Ramo dei Galleano o Gallian conti d’Ascros.



XVI sec.

Marcantonio Galleano o Gallian.

Figlio di Paolo Galliani e di Périnette Badat, visse dal 1525 al 1575. Sposò Brigida Gralieri (o Gralhieri) nel 1545. Capostipite dei conti d’Ascros. Padre di Andrea , Gian Paolo e Gian Battista Gallian.
Consigliere di Châteauneuf, ricevette, il 22 novembre 1567, la nomina a Luogotenente dell’Ammiraglio comandante delle galere dei Savoia, Andrea Provana de Leirit. Alla battaglia di Lepanto (1571) si portò valorosamente. Per questi meriti, il 26 aprile 1573 fu nominato Governatore Generale del Vicariato di Sospel. Nello stesso anno, ricevette la nomina a Cavaliere di Giustizia dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro nonché il titolo di Ammiraglio Luogotenente (= Ammiraglio di Squadra ) della flotta delle galere dell’Ordine stesso.

XVI-XVII sec.

Andrea Galleano o Gallian.

Figlio di Marcantonio. Consigliere di Châteauneuf e Primo Console di Nizza nel 1603. Sposò Laura Doria dei signori di Dolceacqua (1599) e fu padre di Gian Paolo Gallian e di Gian Battista Galléan, 1° conte d’Ascros. Fu decorato, nel 1610, della Croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro.

XVI sec.

Gian Paolo Gallian.

Figlio di Marcantonio Galleano, fu Governatore del Vicariato di Sospel. Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro nel 1566. Morì senza posterità.

XVI-XVII sec.

Gian Battista Galleano o Gallian.

Figlio di Marcantonio, fu Prefetto e Governatore del Principato di Oneglia nel 1601, Consigliere di Stato e Referendario nel 1608, vice-Governatore della Contea di Nizza nello stesso anno. Morì nel 1618, dopo aver accumulato una ingente fortuna.

XVI-XVII sec.

Gian Battista Galléan.

Figlio di Andrea, di Marcantonio. 1° Conte d’Ascros. Acquisì dal Fisco ducale quattro feudi della baronia di Beuil, riuniti al patrimonio della corona di Savoia. Ciò fu possibile anche a causa dell’esecuzione del Conte Annibale Grimaldi nel gennaio 1621. Si trattava dei feudi di Ascros, Toudon, Tounette e Revest; ne fu investito lo stesso anno, anche se il Duca si riservò ad uso personale il castello di Ascros. Nel 1625 sposò Jéronime Provana, figlia di Ottavio Provana Conte di Collegno, Gran Croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro. Padre di Andrea, 2° Conte, di Ottavio, di Marcantonio e Gian Andrea.

XVII sec.

Andrea Galléan.

Figlio di Giambattista, il 1° Conte, fu a sua volta il 2° Conte d’Ascros. Toudon, Tounette e Revest. Figli: Gian Battista e Ottavio. Sposò nel 1653 Suzanne Grimaldi, figlia di Impérial Grimaldi, signore di Gattières. Nel 1672, in occasione della guerra fra il Ducato di Savoia e la Repubblica di Genova, organizzò dieci compagnie di milizie della Contea. Fu 1° Console della città di Nizza nel 1675.

XVII-XVIII sec.

Ottavio Galléan.

Figlio di Gian Battista e fratello di Andrea, Marcantonio e Gian Andrea, fu Cavaliere Professo dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme (Lingua di Provenza). Fu Gran Priore di Tolosa (1657).

XVII-XVIII sec.

Marcantonio Galléan.

Figlio di Gian Battista, fratello di Ottavio, Andrea e Gian Andrea, fu Cavaliere Professo dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme (Lingua di Provenza). Poi Commendatore. Trovandosi a Roma nel 1676 ottenne, mediante l’appoggio del Cardinale Carpineo, le reliquie di Sant’Alessandro Martire.

XVII-XVIII sec.

Gian Andrea Galléan.

Figlio di Gian Battista, Fratello di Andrea, Ottavio e Marcantonio. Fu Padre Agostiniano. Morì nel 1706.

XVII-XVIII sec.

Gian Battista Galléan.

Figlio del 2° Conte Andrea, fu 3° Conte d’Ascros. Morto nel 1744. Sposò nel 1684 Marie-Camille Villa, dama della Regina di Sardegna, figlia del Marchese Guido Villa e di Françoise-Marguerite Dal Pozzo. Figli: Gian Andrea e Ottavio.

XVII-XVIII sec.

Ottavio Galléan.

Figlio di Andrea (2° Conte) e fratello di Gian Battista (3° Conte), fu ricevuto nell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme come Cavaliere Professo nel 1674. Fu Commendatore di Selves, Balì e Gran Croce. Poi, fu Priore di Saint-Gilles.

XVIII sec.

Gian Andrea Galléan.

Figlio di Gianbattista, 3° Conte, fu 4° e ultimo Conte di Ascros. Sposatosi nel 1718 con Angela Maria Galléan, figlia unica ed ereditiera di Jérome-Marcel Galléan, Conte d’Utelle, rimase vedovo nel 1735. Gian Andrea allora si risposò con François-Antonia-Emile-Therèse de Peyre de Châteauneuf, figlia di Lazzaro de Peyre, Conte di Clans.
Morto nel 1744, qualche mese prima di suo padre. Ebbe solo tre figlie femmine.

Ramo dei Signori di Barbaresco.

XVII-XVIII sec.

Gian Gerolamo Galléan.

Fratello di Gian Francesco e Giulio Antonio, 1° co-Signore di Barbaresco. Morto senza prole.

XVII-XVIII sec.

Gian Francesco Galléan.

Fratello di Gian Gerolamo e Giulio Antonio, 1° co-Signore di Barbaresco. Anche lui morto senza prole.

XVII-XVIII sec.

Giulio Antonio Galléan.

Fratello di Gian Gerolamo e di Gian Francesco, 1° co-Signore di Barbaresco. Conte di Canelli nel 1706. Padre di Gian Francesco e Giovenale-Gian Battista.

XVII-XVIII sec.

Gian Francesco Galléan.

1699-1743. Fratello di Giovenale-Gian Battista. Morto senza eredi.

XVII-XVIII sec.

Giovenale-Gian Battista Galléan.

Secondo Signore di Barbaresco. Sposò Maria Antonietta Maurizia Umbertina di Savoia (1708-1759). Morì nel 1778. Fu padre di Giulio Camillo.

XVIII sec.

Giulio Camillo Galléan.

Terzo ed ultimo Signore di Barbaresco. Morì senza eredi.

Dai Galleano conti d’Utelle ai Galleano dei Marchesi Podenzana Bonvino.



XVII sec.

Giuseppe Maria Galleano.

Figlio di Ulisse, conte d’Utelle. Padre di Gian Battista Galleano, di cui infra.

XVII-XVIII sec.

Giovanni Battista Galleano.

Figlio di Giuseppe Maria. Consigliere di Stato e Referendario Ordinario, attestato nel 1708 e nel 1724. Padre di Gaetano e di Pietro Galleano, di cui infra.

XVII-XVIII sec.

Gaetano Galleano.

Si sa che fu militare di carriera, forse sotto Vittorio Amedeo di Savoia, che, nel 1720, permutò il titolo di Re di Sicilia con quello di Re di Sardegna.

XVII-XVIII sec.

Pietro Galleano.

1681-1761. Militare al servizio del Re di Francia, fu nominato Cavaliere dell’Ordine Reale di San Luigi (ordinazioni della I fase, 1693-1792). Fu padre di Gaspare Galleano, di cui infra.

XVIII sec.

Gaspare Giuseppe Maria Galleano.

Le cui tesi di Laurea, in diritto pontificio e feudale, furono pubblicate a Torino nel 1738. Padre di Paolo Marcello Galleano, di cui infra.

XVIII sec.

Paolo Marcello Galleano.

Militare al servizio dei Savoia. Padre di Giorgio, Cesare, Nicola, Pasquale, Antonio, di cui infra.

XVIII-XIX sec.

Giorgio Galleano.

Anch’egli militare al servizio dei Savoia. Padre di Antonio Galleano.

XVIII-XIX sec.

Cesare, Nicola, Pasquale, Antonio, Galleano.

Il nobiliario di Vittorio Spreti riporta, nell’ordine, questi membri della famiglia, tutti illustri nella carriera militare.

XIX sec.

Antonio Galleano.

Figlio di Giorgio. Si sa solo che fu sindaco di Ventimiglia . Padre di Gian Battista Galleano, di cui infra.

XIX sec.

Giovanni Battista Galleano.

Si sa solo che fu attivo a Savona alla metà del XIX secolo. Padre di Secondino Galleano, di cui infra.



XIX sec.

Secondino Galleano.

Citato nella Storia della città di Ventimiglia dalle sue origini sino ai nostri tempi di Girolamo Rossi (1859; 1888 II edizione). Sindaco di Ventimiglia, morto nel 1860. Padre di Francesco Galleano, di cui infra.

XIX sec.

Francesco Galleano.

Sposò Marina, figlia del Marchese Gerolamo Podenzana e di donna Maddalena Bonvino (dai quali l’attuale ramo dei Marchesi Podenzana Bonvino di Genova, Carlo e Davide). Padre di Angela Galleano, che sposò Gaetano Montorsi.

XIX-XX sec.

Angela Galleano.

Nata nel 1863. Sposò don Gaetano Montorsi. Figli: Mario( decorato di due medaglie d’argento per la I e la II Guerra Mondiale, giunse al grado di Generale di Corpo d’Armata), Leonino, Carlo e Luigia (1902-2001). Quest’ultima sposò Annibale Ferro (1897-1961, figlio del Conte Pellegro Ferro), che fu nonno materno dello scrivente.

I Galleano Baroni di Sant’Ambrogio.

XIX sec.

Giovan Battista (Gio.batta) Galleano.

Di famiglia originaria di Ventimiglia, nacque nel 1803. Fu Console del Regno di Sardegna e Barone, nominato dal Re Carlo Alberto il 22 agosto 1841. Cavaliere dei Santi Maurizio e Lazzaro. Sposò Félicité Preti (o Felicia de Pretis) di Sant’Ambrogio. Il predicato di Sant’Ambrogio passò ai Galleano per mezzo di regie Patenti nel 1838.
Fu padre di Orazio, Carlo ed Alessandro.

XIX sec.

Federico Galleano.

1805-1845. Fratello minore di Gian Battista, fu capitano nell’Esercito Sabaudo.

XIX-XX sec.

Orazio Galleano.

1835-1908. Figlio di Gian Battista, militare, Tenente Generale nel 1891, Grande Ufficiale dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro. Sposò Maria Giuseppina Barbara Brizo Falletti.

XIX-XX sec.

Carlo Galleano.

Nato nel 1839, figlio di Gian Battista. Militare, Contrammiraglio, Grande Ufficiale dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, dell’Aquila Rossa di Prussia e della Stella Nera. Commendatore di S. Olaf di Norvegia. Decorato della Legion d’Onore. Cavaliere della Torre e della Spada del Portogallo.
Sposò Antonietta Corporandi dei Baroni d’Anvare. Padre di Cléofine e di Marcellino Galleano.

XIX-XX sec.

Alessandro Galleano.

Figlio di Gian Battista. Vice-Console di Spagna e d’Italia a Mentone, Cavaliere dell’Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna).


XIX-XX sec.

Cléofine Galleano.

Figlia di Carlo, sposò Felice d’Oreglia dei Baroni di Santo Stefano.

XIX-XX sec.

Marcellino Galleano.

Figlio di Carlo, Barone di Sant’Ambrogio. Luogotenente.


Questo ramo della famiglia Galleano fu iscritto nel Libro d’Oro della Nobiltà Italiana ( 1° edizione del 1910) e nell’Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano (edizione del 1921) col titolo di Barone, Predicato: di Sant’Ambrogio.

miércoles, 4 de febrero de 2015

De los Gallienus bajoimperiales a los Galeano ligurpiamonteses (II)


Publicamos la segunda parte del erudito artículo del Profesor Don Roberto Romano, Catedrático Emérito de Historia y Cultura Bizantina de la Universidad Federico II de Nápoles y Colegiado de Número de esta Casa, sobre la familia Galeano, hoy centrado en la Edad Media.

L’età medievale.

XII sec.

Simone Galliano.

Non lontano da Poitiers e da Tours, v’è Bordeaux (Burdigala), donde, secondo testimonianze di documenti medievali conservati in archivi liguri, vennero in Liguria gli antenati di questo Simone Galliano. Si stabilirono a Ventimiglia e poi a Genova; nel 1122 Simone godette dei diritti ed onori che competono alle antiche famiglie della città. In quell’anno fu eletto fra gli otto nobili, i quali ogni anno erano scelti fra le prime cinquanta famiglie nobili, che costituivano il Consiglio di Genova.
Abbiamo notizie di un unico figlio, Ingone, o Inigo, Galliano.

XII-XIII sec.

Ingone o Inigo Galliano o Galliani.

Secondo alcuni, attivo fra il 1193 e il 1203. Nel 1193 fu consul de placitis (‘giudice’), a Genova.
Nel 1198 podestà, o console, di Genova. Ebbe tre figli, Teodoro, Giovanni, e Carlo , che ebbero prole, e un altro, Ottavio, che fu Cavaliere Templare.
Per i genealogisti, ai fini di controllare la continuità di una dinastia, è importante la ricorrenza di un dato nome di battesimo. Nel séguito, troveremo altri Ottavio, figli cadetti, inseriti in Ordini Cavallereschi.

XII-XIII sec.

Teodoro Galliani.

Primo figlio di Ingone. Si stabilì a Nizza. Il suo nome è citato in un documento, datato 23 luglio 1205, come nobilis & generosus miles . Fu padre di Bozio Galliani.
Nizza, alleata di Pisa, fu nemica di Genova. Teodoro deve dunque aver militato contro la Repubblica di San Giorgio.

XII-XIII sec.

Giovanni Galliani.

Figlio di Ingone, rimase a Genova, ed i suoi discendenti appartennero al patriziato della città.

XII-XIII sec.

Carlo Galliani.

Figlio terzogenito di Ingone, si trasferì in Piemonte, nel 1199, a Cuorgné (allora giurisdizione di Valperga, oggi comune limitrofo).



XII-XIII sec.

Ottavio Galliani.

Figlio ultimo di Ingone. Citato col fratello Teodoro nel documento Nizzardo del 1205, fu Cavaliere del Tempio.

XIII sec.

Bozio Galliani.

Figlio di Teodoro, divenne comandante generale della piazza di Milano. Fu padre di Umberto.

XIV sec.

Umberto Galliani.

Figlio di Bozio, sposò una Giacomina Doria (o d’Auria). Un atto di divisione dei beni del 4 giugno 1349 fra gli otto fratelli figli di Umberto Galliani, ci è stato conservato. Alcuni lasciarono Nizza per stabilirsi in diversi paesi.
  • Giacomo, primogenito, restò a Nizza;
  • Antonio Luigi, passò in Piemonte;
  • Giovanni, fu Cavaliere dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme a Rodi;
  • Claudio, viaggiò in Oriente e si stabilì per traffici in Siria;
  • Michele Maria, comandante militare a Milano al servizio dei Visconti.
  • Arnaldo, fu generale a Genova.
  • Bartolomeo, viaggiò per traffici e si stabilì in Grecia.
  • Gabriele, divenne grande ufficiale del Re di Spagna.

XIV sec.

Giacomo Galliani.

Fu figlio primogenito di Umberto. Fu 1° o 2° Console a Nizza nel 1351, 1357 e 1371. Nell’atto di divisione dei beni sopra citato (1349), si fa menzione di un atto precedente (1347). In entrambi i documenti viene nominato suo figlio Francesco, come nobilissimus miles & domicellus.
Oltre al figlio Francesco, ebbe un altro figlio, Giovanni.

XIV-XV sec.

Francesco Galliani.

Figlio di Giacomo, di cui sopra. Pare attestato attorno al 1347.

XIV-XV sec.

Giovanni Galliani.

Figlio di Giacomo, fu notaio (circa 1398); ebbe un figlio, Ludovico o Luigi.

XV sec.

Ludovico o Luigi Galliani.

Figlio di Giovanni, di Giacomo. Speziale, citato in un documento del 1421. Ebbe due figli, Umberto e Giacomo II Galliani.

XV sec.

Umberto Galliani.

Figlio di Ludovico/Luigi. Anche lui speziale, citato in documenti del 1456 e 1478. Fu poi console a Nizza. Ebbe un figlio, Giacomo.

XV-XVI sec.

Giacomo Galliani.

Figlio di Umberto, di Luigi. Citato in un documento del 1492, fu Dottore in Giurisprudenza. Ebbe Bartolomeo e Paolo.



martes, 3 de febrero de 2015

De los Gallienus bajoimperiales a los Galeano ligurpiamonteses (I)


Reproducimos en tres partes el interesantísimo artículo genealógico que nos ha enviado el Profesor Don Roberto Romano, Catedrático Emérito de Historia y Cultura Bizantina de la Universidad Federico II de Nápoles y Colegiado de Número de esta Casa, sobre la Familia Galeano, desde sus orígenes bajoimperiales hasta la época actual en su rama genovesa de Sant'Ambrogio.


DAI GALLIENUS BASSO-IMPERIALI AI GALLEANO LIGURI-PIEMONTESI
(Breve cronistoria)


Premessa

Dopo gli studi ottocenteschi sui rami francesi della famiglia, a cura di François-Alexandre Aubert de la Chesnaye-Desboy et Badier (Dictionnaire de la noblesse de la France, III ed., Paris 1868-1873), una decina d’anni fa Arturo Rios Ruiz (De la nobleza europea. El Principe Hermenegildo Galeana, México 2002; Idem, Hermenegildo y los Galeana, el brazo fuerte de Morelos, México 2007) ha riproposto un’origine imperiale tardo-romana per la famiglia italiana Gallieno/Gallieni/Galiano/Galliano/Galliani/Galeano/Galleano/Galleani. Questa famiglia ebbe anche diramazioni all’estero: in Francia, Galléan, Galléans/Galliens; in Spagna ed America latina, Galiano, Galeano, Galeana; in Germania ed Austria, Galen, Galien,
I mutamenti di grafia risalgono, innanzi tutto, alla fonetica latina. Come, da Labienus, abbiamo Labeanus, e Labeo/-onis, da Janus (Giano bifronte), Eanus, così v’era, già in epoca classica, l’alternanza ie/ia: es. iento (‘fare colazione’) / ianto; ientaculum (‘prima colazione’) /iantaculum, e così via.
Si aggiungano poi le mutazioni fonetiche dovute alla pronuncia del latino medievale, e quelle relative ai paesi di idioma neolatino o germanico dove la famiglia si diffuse. Bisogna tenere anche conto del fatto che i documenti medievali erano stesi in latino, il che spiega, es., Galliani (gen. di Gallianus) poi divenuto cognome, Gallieni (gen. di Gallienus ), poi divenuto cognome, ecc.
Con questo breve, sintetico, contributo, s’è voluto verificare, per quanto è stato possibile, l’assunto degli storici genealogisti, relativamente ad un unico ramo, quello che può considerarsi, pleno jure, originario, dei Galliano/ Galliani/ Galleano/Galleani, liguri piemontesi, sia perché, trattandosi di una vera e propria gens, piuttosto che famiglia, sarebbe stato compito difficilissimo e lungo ricostruire le vicende dei singoli rami, nelle singole nazioni dove essi si sono impiantati, sia perché – ma non mi si accusi di ‘fatto personale’, perché non c’è, in questa ricerca, ‘conflitto d’ interesse’ – dal ramo dei Galleano discese la mia bisavola donna Angela Galleano in Montorsi, mia antenata per parte di madre.
Una cronistoria, dunque, dettata da curiositas, unita all’amore professionale per la storia evenemenziale, cui dedico parte del tempo delle mie attuali ricerche.

Dal Basso Impero all’età Tardoantica

III sec. d. C.

Publius Licinius Egnatius Gallienus, Romanorum Imperator.

Trebellio Pollione, uno degli Scriptores Historiae Augustae, ci ha dato un ritratto assai poco lusinghiero di questo imperatore basso-imperiale; la sua testimonianza, troppo parziale e ‘viscerale’, deve essere letta alla luce di altre testimonianze coeve. Strumenti di lavoro indispensabili sono, oltre ai manuali scientifici istituzionali, e all’invecchiato, ma sempre utile G. Barbieri, L’Albo senatorio da Settimio Severo a Carino, Roma 1952, la Paulys Realencyclopaedie der Klassischen Altertumswissenschaft di A. Pauly- G. Wissowa (Stuttgart 1893-1973) e The Prosopography of the Later Roman Empire di A.H.M. Jones- J.R. Martindale-J.Morris (Cambridge 1971-1992).
Publio Licinio Egnazio Gallieno nacque attorno al 213 da Valeriano imperatore e da Egnazia Mariniana. Nel 253 suo padre Valeriano (195-260) fu proclamato imperatore in Rezia; Gallieno, quarantenne, fu elevato da lui alla dignità di Cesare. Poco più tardi, ricevette anche il titolo di Augusto, co-imperatore.
Come hanno notato gli storici, Gallieno non era destinato ad essere un imperatore-soldato; piuttosto, la sua inclinazione personale avrebbe fatto di lui un imperatore-intellettuale – non certo però del livello di un Marco Aurelio – in quanto ebbe tendenza spiccata per apprezzare e valorizzare il bagaglio culturale che il pensiero greco aveva dato a Roma come retorica e filosofia.
Tutto ciò lo rese impopolare ai rozzi ed incolti militari della casta dominante l’esercito, specie quelli che prestavano servizio presso il limes renano e danubiano, i quali avrebbero desiderato qualcuno più vicino alle loro esigenze peculiari in materia di strategia generale e tattica, in quell’epoca di attrito fra popolazioni barbare ed Impero.
Quando Valeriano, affidato al figlio Gallieno il teatro d’operazioni occidentale, mosse in Oriente contro i Persiani, non immaginava che, sfortunatamente, sarebbe caduto in prigionia, sconfitto dal re Sapore I, e sarebbe poi morto di stenti in carcere. Gallieno si troverà ad essere unico Augusto.
Fra il 254 e il 256 condusse le truppe alla difesa del limes danubiano, meritandosi il plauso dei generali prima ostili. Nel 256 giunse al Reno, per combattere i Germani.
Continuando la politica di suo padre, Gallieno nominò il figlio maggiore Licinio Valeriano Gallieno al rango di Cesare (256); poco durò come vice-imperatore Licinio; morì nel 258 e, al suo posto, fu nominato Casare il fratello minore Gallieno jr. detto anche Salonino (vedi oltre). Nello stesso anno Gallieno sconfisse gli Alemanni che avevano sconfinato sino a Milano.
Nel 259 Gallieno era impegnato in campo sul Danubio, quando ricevette un messaggio dalla frontiera del Reno: Jutungi (Juti) e Germani avevano attraversato il fiume e minacciavano di scendere in Italia. Infatti, vi discesero, ma, arrestati da truppe appositamente schierate per sbarrare la strada di Roma ai barbari del Nord, Juti e Germani si ritirarono in Italia settentrionale. Qui si scontrarono con le truppe che Gallieno aveva condotto dal Danubio; a Milano avvenne la battaglia decisiva: i barbari furono sconfitti e si trassero indietro. Nella primavera del 260 furono di nuovo battuti dalle truppe imperiali ad Augsburg.
Ma il successo fu effimero. Una nuova minaccia, quella dei Franchi, si profilava. Passato il Reno, essi si inoltrarono in Gallia. Addirittura, si spinsero fino alle coste del Mediterraneo con una incursione su Terragona. Si narra che, impadronitisi di navi onerarie, le abbiano saputo condurre fino alla costa nordafricana, attaccando il porto di Tingitana. Ma, forse, si tratta di una confusione, passata dalla tradizione orale a quella scritta, fra questa invasione e quella, di molto posteriore, dei Vandali, che passarono dall’Iberia al nordafrica e divennero i pirati del Mediterraneo.
Gli Svevi, poi, conquistarono gli Agri Decuniates fra Reno e Danubio.
Scosso da questi eventi, Gallieno fu costretto, per controbilanciare la potenza dei Franchi, ad accettare, a nord del Danubio, la costituzione di un regno dei Marcomanni. Per suggellare quest’alleanza fra l’Impero e i Marcomanni, Gallieno si impegnò a sposare, come seconda moglie, una principessa marcomanna.
Nell’autunno del 260 giunse a Roma la ferale notizia della cattura e della morte di Valeriano. Gallieno mormorò: <<Sapevo che mio padre era mortale>>, stoicamente commentando l’evento. Ciò non fece altro che aumentare le possibilità di una accelerazione della ‘liquidazione’ di Gallieno da parte dei suoi avversari.
Iniziarono a muoversi i legionari della Pannonia e della Mesia. Ingenuo (Ingenuus), il governatore di Pannonia, fu acclamato imperatore dalle sue truppe. Ma i contingenti che lo sostenevano erano ben poca cosa, sicché furono debellati da Gallieno stesso con l’aiuto del legato Manio Acilio Aureolo. Ma in Pannonia perseverò un’aria greve di ammutinamento. Fu contrapposto così a Gallieno un nuovo pretendente, Regaliano, governatore della Pannonia superiore e dell’Illirico, che fu acclamato imperatore. Gallieno fu costretto a un frettoloso rientro in Pannonia per sedare la rivolta e punire i colpevoli.
Mentre Gallieno si occupava dei legionari ribelli della Pannonia, le legioni che presidiavano il Reno erano comandate da Marco Cassiano Latinio Postumo, che governava la Bassa Germania. Presso di lui stava Gallieno Salonino, figlio dell’imperatore; sovrintendeva il Prefetto del Pretorio Silvano, a Colonia Agrippina (Koeln). Postumo, allora, uscì allo scoperto, e, d’accordo con Silvano, marciò su Colonia. Così, Gallieno Salonino fu acclamato imperatore-coregnante, ma era solo una turlupinatura. Dopo la resa dei legionari di Colonia il nuovo imperatore e il Prefetto Silvano furono assassinati.
Nuovo imperatore fu proclamato Postumo, mentre messaggeri comunicavano la notizia alle guarnigioni occidentali. Vari comandanti riconobbero l’acclamazione di Postumo. In questi frangenti, Gallieno era occupato a sedare focolai di ribellione in Pannonia e a tenere a bada i barbari.
Alla fine del 260 vi fu un’altra ribellione. La cattura di Valeriano aveva messo in fibrillazione le legioni che sorvegliavano l’Oriente, La coraggiosa controffensiva dei legati Macriano e Callisto (detto Ballista, ‘macchina da guerra’) riuscì a ristabilire la situazione, respingendo Sapore nei pressi di Corico, e costringendolo a ritirarsi verso l’Eufrate. Macriano decise che era giunto il momento di sovvertire il regno di Gallieno.
Considerata la sua età avanzata, Macriano non volle farsi proclamare imperatore, ma designò i suoi due figli, Fulvio Iunio Macriano e Fulvio Iunio Quieto, che furono designati co-imperatori a Antiochia.
Gallieno reagì facendo marciare contro di loro il generale Domiziano. Allora, mentre Quieto restava ad Antiochia, Macriano e l’altro figlio cercarono appoggi inviando messaggeri e truppe in Occidente. Non fu difficile a Domiziano sconfiggerli ed ucciderli, mentre un altro legato, fedele a Gallieno, Odenato, eliminava Quieto, sconfiggendo il suo esercito a Emesa.
Sorse allora, come se la confusione non fosse già all’estremo, un altro pretendente: questa volta si ribellò Mussio Emiliano, governatore d’Egitto, che si proclamò imperatore. Anche questa rivolta fu soffocata: Emiliano fu sconfitto ed ucciso dal legato Teòdoto (262).
Il legato Odenato, intanto, in Oriente, si lanciò in una campagna contro i Persiani, riconquistando vari territori in Mesopotamia ed Armenia.
Nel 265 Gallieno, pacificata la Pannonia ed altri territori infidi, avanzò nelle Gallie per sconfiggere definitivamente Postumo. Questi, non potendo affrontare in campo aperto l’imperatore, si diede alla macchia e non fu possibile a Gallieno acciuffarlo per eliminarlo definitivamente.
Nel corso di questa campagna Gallieno ebbe la sfortuna di essere colpito a una natica da una freccia. Dovette forzatamente interrompere la ricerca del nemico. Postumo recuperò parte del suo potere in Gallia.
Dopo aver sconfitto i Persiani a Ctesifonte (266) Odenato fu insignito della dignità imperiale da Gallieno. Così, si impegnò nella campagna d’Asia Minore contro i Goti. Purtroppo, dopo aver conseguito varie vittorie, fu assassinato nel 267.
La vedova, la famosa Zenobia, assunse il potere. Morto il figlio di primo letto, il primogenito di Odenato, Erode (o Erodiano), ella governò come reggente per conto del figlio Vaballato. Fu l’apogeo del regno di Palmyra, le cui rovine ancor oggi destano stupore nei visitatori. Vaballato assunse il titolo di Re dei Re e, per rimanere nell’ambito della romana legalità, si proclamò corrector totius Orientis (‘governatore generale dell’Oriente’).
Gallieno si assunse il compito di reprimere quello che sembrava il prodromo della defezione di Palmyra. Eppure c’era qualche indiscrezione su di lui: si vociferava che egli stesso avesse dato ordine di uccidere Odenato, che gli’dava ombra’ con le sue vittorie in Oriente. In realtà, era stata proprio Zenobia ad ordinare l’assassinio del marito e del figlio di lui , Erode.
Il Prefetto del Pretorio, Eraclio (o Eracliano), inviato contro Palmyra, fu sconfitto senza gravi difficoltà. Palmyra e Zenobia erano destinate a giocare un ruolo ancora importante in Oriente, anche dopo la morte di Gallieno.
La regina, fra il 269 e il 270, conquistò l’Oriente e l’Egitto dichiarandosi indipendente da Roma. Ma questa è un’altra storia.
Nel 268 una terribile minaccia incombeva sull’Impero. La avanzata dei Goti nei Balcani, favorita dagli Eruli, che avevano trasportato truppe via mare, costeggiando il Mar Nero, prese di mira la Tracia e la Macedonia.
Gallieno, intenzionato a sbarrare la strada di Atene ai Barbari, marciò a tappe forzate verso Oriente. Atene era la città che suo padre Valeriano aveva abbellito e colmato di attenzioni. Però giunse troppo tardi. La città fu devastata e saccheggiata dai Goti. Purtroppo, le fortificazioni volute da Valeriano non erano pronte, se non in parte.
Più tardi, riuscì ad impegnare i Goti a Naisso. Secondo alcuni storici, si è trattato della battaglia più sanguinosa del III secolo: quarantamila o cinquantamila Goti furono uccisi in quell’epico titanico scontro.
Ma, mentre Gallieno combatteva contro i Goti, senza però eliminarne per sempre la minaccia, un nuovo tradimento lo colpiva alle spalle.
Il legato Aureolo, comandante della Cavalleria, che, a Milano, avrebbe dovuto ‘guardare le spalle’ per evitare incursioni di Postumo, si ribellò. Alcuni dettagli degli eventi non sono ancora noti del tutto. Sembra che egli, già agli inizi del 268, avesse preso contatti con Postumo, ma, invece di riconoscerlo come imperatore, proclamò se stesso.
La posizione di Gallieno, sempre in bilico, questa volta parve precipitare. In Gallia, Postumo, a Milano, Aureolo, sul Danubio, le legioni sempre in fermento, fecero sì che la sua situazione si aggravasse sempre più, di giorno in giorno.
Una congiura prese corpo fra i Pretoriani. Eraclio ed altri alti ufficiali, fra i quali Claudio (detto poi ‘il Gotico’), comandante di Cavalleria, Aureliano e Cecropio, capo dei Dalmati, si schierarono segretamente contro Gallieno.
L’imperatore mosse contro la città-simbolo della ribellione, Milano.
Era una notte di settembre del 268. Squillò l’allarme nel campo di Gallieno che stava assediando Milano. Ne sorse un tumulto, nella confusione generale. Gallieno fu ucciso mentre usciva dalla sua tenda, per informarsi sull’accaduto.
Fu sepolto sulla via Appia, senza avere l’onore di un mausoleo. Post mortem, come si usava, fu divinizzato dal Senato, proprio a richiesta di Claudio (II), che aveva partecipato al complotto ed aveva assunto il sommo potere.
Eppure, negli anni di relativa pace (262-267) Gallieno aveva realizzato riforme apprezzabili. Aveva fatto cessare la consuetudine secolare di affidare ai senatori gli eserciti, nominando comandanti che si erano guadagnati sul campo la ‘patente’ di valorosi. Aveva dato impulso alla Cavalleria pesante, quasi precorrendo i tempi del Medioevo, quando la cavalleria divenne prima arma combattente, soppiantando la fanteria. Sotto il suo regno v’era stata una rinascita culturale a Roma: Plotino, col suo neoplatonismo, improntò di sé tutto il III secolo, con la sua idea della ‘città Platonica’, ideale dimora dei sapienti eletti di spirito.
Suo padre Valeriano, rinnovando la persecuzione di Decio, emise due editti contro i Cristiani (257 e 258): così perirono, fra tanti altri, il papa S. Sisto II e il vescovo S. Cipriano di Cartagine.
Eusebio di Cesarea, nella sua Storia ecclesiastica, ci tramanda un editto di tolleranza di Gallieno (262). Gli storici del Cristianesimo hanno notato come, nei quaranta anni che intercorrono fra l’editto di Gallieno e l’ultima persecuzione, quella di Diocleziano, l’Impero visse in relativa pace religiosa e gli invasori furono respinti. Ma forse fu proprio questa sua apertura ai Cristiani che gli alienò le simpatie dei generali fanatici e misoneisti, che aggiunsero anche questa motivazione a quelle, più generali, di antipatia viscerale a causa del suo status di ‘figlio d’imperatore’, filo-neoplatonico ed amante dell’Ellade.
* * *
Ma torniamo a Trebellio Pollione. Come Svetonio e gli altri Scriptores Historiae Augustae, Trebellio dà enfasi più ai lati negativi che a quelli positivi dell’imperatore. Inoltre, pesa sulla sua narrazione, il fatto che egli scriveva sotto Costanzo Cloro, il padre di Costantino, che rivendicava la discendenza da Claudio II il Gotico.
Trebellio esordisce infatti affermando che <<Gallieno gioiva della prigionia paterna>>: potrebbe essere in parte vero; esiste sempre, fra padre e figlio, una rivalità innata. Si aggiunga che il figlio non condivideva la politica religiosa del padre.
Parlando dei pretendenti, <<Macriano e Ballista>>, afferma che Gallieno, <<l’indolente Gallieno>>, fu pigro e lento ad occuparsi della loro ribellione. Abbiamo visto che non è vero. Magnificando Macriano, Trebellio dà per sicuro che <<Gallieno non dava prova di alcuna energia>>. Dopo la vittoria e l’uccisione di Macriano, Gallieno si diede ai giochi circensi dimentico, o piuttosto felice, della prigionia paterna: << in realtà tutti sapevano che egli non aveva mai sopportato la severità del padre e che si era sempre augurato di stornare dal proprio capo l’autorità di lui>>.
Poi lo chiama <<lussurioso e disonesto>>, mentre <<perdeva il suo tempo in vergognose gozzoviglie e governava con la stessa competenza che possono avere i bambini quando giocano a fare l’imperatore…>> (!).
Ancora oltre, magnifica Postumo, il quale <<governò le Gallie per sette anni e le difese con fermezza da tutti gli assalti dei barbari vicini>>; Gallieno era invece <<un rammollito pronto ad accettare le più gravi onte, pur di starsene tranquillo>>.
Quando Gallieno, sconfitti i barbari e gli abitanti di Bisanzio ribelli, celebrò un trionfo, facendo altresì sfilare come prigionieri <<Goti, Sarmati, Franchi e Persiani>>, Pollione puntualizza che <<quell’inetto credeva di poter ingannare con questa pompa esteriore il popolo che invece – ironia delle cose umane – parteggiava per Postumo, per Regilliano, per Aureolo, per Emiliano e persino per Saturnino, nuovo aspirante all’Impero>>.
Sragiona apertamente quando, presentando la ribellione di Odenato, afferma che lui <<iniziò la guerra contro i Persiani per vendicare quel Valeriano, di cui il figlio si dimenticava>>. Odenato portò guerra ai Persiani per ingrandire il regno di Palmyra, non già per vendicare Valeriano.
Lo mette in cattiva luce – quasi fosse un novello Nerone – parlando della sua inclinazione per l’oratoria, la poesia e le belle arti. Lo ridicolizza mentre riferisce del matrimonio dei suoi nipoti, quando, tenendo per mano gli sposi, improvvisò un epitalamio; ce lo riporta, ed i versi non sono affatto da disprezzare.
Per quanto riguarda Odenato, ancora, insinua che egli <<cadde vittima di un cugino>>; di Zenobia ci tramanda che ella prese il potere <<e lo resse a lungo, non con femminile debolezza, ma con fermezza e abilità tali da renderla superiore a Gallieno – qualunque ragazza avrebbe retto il governo meglio di costui – ma a molti altri imperatori>>.
Non v’è alcun dubbio che Zenobia fosse una donna realmente eccezionale, ma è altrettanto vero che la biografia di Gallieno dimostra tutt’altro.
Dopo aver trattato brevemente dell’assassinio di Gallieno, Pollione dà la stoccata finale: egli <<nato all’ingordigia e alla sensualità, sciupò i suoi giorni e le sue notti tra la crapula e le libidini, e permise che trenta tiranni avessero in balia il mondo romano>>. Come se fosse stato consenziente a che tanti lo pugnalassero alle spalle e si proclamassero imperatori!
Perfino la nobile frase di Gallieno alla notizia della morte del padre - <<sapevo che mio padre era mortale!>> - segno di fierezza d’un animo superiore agli eventi, che stoicamente commenta l’evento luttuoso, è ridicolizzata. Che Gallieno avesse tale forza d’animo non è credibile; <<ma chi ci crede vale meno di lui>> (!).
Dove raggiunge il culmine dell’inverosimilità è quando riferisce che Gallieno voleva che fosse edificata una sua statua che apparisse <<di dimensioni doppie >> rispetto al Colosso di Nerone, che si ergeva presso l’anfiteatro flavio detto oggi Colosseo.
A parte il fatto che non troviamo questa notizia presso altre fonti, è inverosimile che, con i mezzi dell’epoca, si potesse erigere una statua due volte più alta del Colosso di Nerone, che superava in altezza lo stesso anfiteatro flavio.
A buon diritto la storiografia ha fatto giustizia della malignità e dell’acidità di questo storico, tributando a Gallieno il pieno riconoscimento dei suoi alti meriti di imperatore-soldato e intellettuale allo stesso tempo.

III sec.

Licinius Valerianus Gallienus, Romanorum Imperator.

Trebellio Pollione ci tramanda che questo fratello di Gallieno, anche lui figlio di Valeriano e di Egnazia Mariniana, ebbe il titolo di Imperator Consul <<come troviamo scritto nei fasti>>. Dato che Valeriano senior era già morto, non può trattarsi che di Valeriano fratello di Gallieno, che trovò la morte con lui, <<ucciso dai sicari appositamente spediti o, secondo alcuni, dallo stesso Cecropio, capo dei Dalmati, in quel di Milano>>.

III sec.

Licinius Valerianus Gallienus Caesar.

Poco ci è noto della biografia di questo figlio primogenito di Gallieno e Cornelia Salonina Chrysogonedi Bitinia. Nominato Cesare nel 256, morì nel 258, e fu sostituito dal fratello minore Gallieno Salonino.

III sec.

(Licinius Valerianus) Gallienus Saloninus, Romanorum Imperator.

Il solito Trebellio Pollione ci dà un quadro sommario dell’esistenza di questo figlio di Gallieno, nato dalle nozze con Cornelia Salonina Chrysogone di Bitinia. Dà solo notizia di una statua, di fronte alla via Sacra (<<nella cui iscrizione si leggeva, “A Gallieno Minore”, con l’aggiunta “Salonino”; da ciò si può dedurre quale fosse il suo nome>>), e di uno scherzo da lui fatto, da bambino, quando si impadronì dei baltei dorati o gemmati degli ufficiali seduti a mensa. <<Sono notizie che mi sembrano meritevoli di essere conosciute e ricordate>> (!).

III sec.

Junius Gallienus vir clarissimus.

Una iscrizione trovata a Lavinium (l’antica città legata al mito di Enea, ubicata dove tuttora trovasi Pratica di Mare) ci tramanda il nome di questo Iunio Gallieno, vir clarissimus (= appartenente alla classe senatoria), p.p. ( = pater patrum, ossia sacerdote, pontifexSolis invicti, in parole povere sommo sacerdote del culto di Mitra. Dato che il titolo religioso di pater patrum Solis invicti non fu attribuito prima della seconda metà del III secolo, sotto Aureliano ( 270-275 ), questo pontifex Dei Solis dovette essere forse parente dei Gallieni.

III sec.

Marcus Junius Gallienus Concessus Maximus.

Vir clarissimus, noto da un pugillare (= tabula oppure cera pugillaris ) in avorio che ci tramanda il suo nome. Essendo il reperto datato attorno al III sec., c’è la probabilità di un rapporto di parentela con l’imperatore Gallieno.

IV-VI sec.

Gallienus Concessus vir clarissimus .

Questo Gallieno, di famiglia senatoria, è noto solo tramite un dittico (= tavoletta formata da due assicelle, riunite, a mo’ di libro, mediante una cerniera o un legaccio di cuoio) d’età tardoantica, che ce ne ha a stento tramandato il nome.

VI sec.

Gallienus comes (Civitatis Turonensis).

Venanzio Fortunato (530-607), uno degli ultimi autori di lingua latina propriamente detti, fu vescovo, poeta ed agiografo. Nel decimo carme della sua raccolta, uno dei quattro dedicati ad una fanciulla a judicibus capta (‘arrestata dai giudici’) si rivolge ad un Gallieno conte di Tours. Venanzio gli chiede aiuto in favore della fanciulla. Il carme è datato al 589.
Siamo all’epoca della Gallia non più romana, governata dai Franchi invasori. Venanzio, recatosi per un pellegrinaggio a Tours (città, in epoca gallica, abitata dai Turones ), conobbe a Poitiers ( terra dei Pictoni o Pitti) la principessa Radegonda, figlia di Bertario di Turingia, che era ospite di un monastero femminile retto dalla figlia adottiva Agnese.
Null’altro sappiamo, salvo che visse nella Francia centro-nord-occidentale.


rancia c